Le origini del gioco del lotto

Il gioco del Lotto, in origine chiamato "gioco del seminario", risale al 1576, quando il patrizio genovese Benedetto Gentile ebbe l'idea di associare ai nomi dei 120 candidati alla carica di Membri del serenissimo Collegio della Repubblica.

I 120 numeri (poi ridotti a 90) venivano imbussolati in un'urna chiamata "seminario", dalla quale venivano estratti 5 numeri e i candidati corrispondenti andavano a sostituire i 5 membri uscenti del Serenissimo Collegio.
A questi numeri erano abbinate delle scommesse e coloro che indovinavano i numeri, dopo aver pagato la quota spettante, avevano diritto ad un premio.

Da Genova il gioco si estese ad altri Stati italiani, fino ad arrivare alle 10 ruote dei giorni nostri (Bari, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia).

Fino al 1939 le ruote erano soltanto otto: mancavano Cagliari e Genova.

VanityFairConfidential

Vuoi ricevere le news in anteprima? Iscriviti qui!

 

L’email non è stata inserita correttamente.